Skelets On Me – They Come / They Go

 Three encounters

She is the lady of the boss
She comes from nowhere and nowhere is her place

I had recently arrived to Trieste and was working as a receptionist for a big company. I saw people pass by all day, but from that period I especially remember a face: one morning at the door showed up an elderly lady looking quite messy, scruffy clothes, heavy makeup, a lot of jewelry, dirty hair and an almost indefinable color. She claimed to be the wife of the general manager, and was determined to talk to him, insisting that she would save us all. While repeating these words our eyes looked at each other for a moment, I still have not forgotten them. Clear and distant. After many attempts we managed to calm her down and convince her to leave, but it struck me that in her madness and disorder there were also a certain gentleness and elegance, a kind of detachment from the world as if she were above everything else. Nowhere Is Her Place is a song inspired by that look. It was written and drafted a long time ago, but I could not consider it finished until I happened to listen to the Cocteau Twins. Only then I understood how to do it again from scratch, stripping it of everything and letting those eyes fully shine.

Moon man where are you going
Why do not you follow me

I was at the emergency room, waiting for the response for my blood test, in the same room beyond a green awning there was a man in his seventies with his shiny gray hair, his skin was of a pallor so intense it seemed he could disappear at any moment. Beneath his denim jacket and the white T-shirt (with shit on the bottom side), he stood up, and to me it was a mystery how he managed to do so. He kept coughing and complained because the needle for the transfusion hurt him damn bad. It went on for almost half an hour until a nurse arrived.
“Excuse me, ma’am, is there anything you can do to make this thing faster?”
“No sir, it’s just going to take a minute. Now I take your blood pressure and heart rate, the doctor will come to see you soon.”
“Ah. All right. Anyway I’m leaving soon.”
I recognized the doctor’s steps because they were louder than that of the nurses. She entered the room, did not consider me and began her speech. She knew she was in front of a tough cookie and the way she spoke sounded like it wasn’t the first time they met: “Well sir, we have almost finished the first blood bag and then we’ll put the next one on. Given your condition I will prepare the papers to keep you here overnight because there are several things to look at and keep monitored. Now let me go find you a room.”
“Ah no, no. I’ve got things to do, I can’t stay here, don’t even mention it! And this bag of blood is enough for me.”
“I don’t think you understand, sir. The results of your tests are completely abnormal, your red blood cell and platelet values are ​​far below average. If you go out now you can faint in a half-hour and then you are back here, but not on your legs.”
“I don’t care really. And I’m starving. Perhaps I return tomorrow to do another one of these things …”
“Oh no, if you leave you have to sign the discharge sheet and then it is no longer the responsibility of the hospital.”
He would not give up. At one point he fell silent and the doctor went into another room. But in that silence I could tell that something in the mood of my neighbor had changed. In fact, shortly after: “Doctor! Doctooooor! – Look, I thought, maybe if I can go out for a moment to drink a coffee and smoke a cigarette, then I’ll return and do the other bag. But please, a bit ‘faster than this! I can not handle it anymore!”
“Yes, yes that’s fine, just don’t exit the hospital grounds!”
Silence again.
“The thing I regret the most is that this is all my fault.”
The old man puts on his denim jacket and begins to walk with difficulty in his mushy brown loafers, and leaves the room with the pack of cigarettes in his hand. I would have bet that he wouldn’t return, but instead, as promised, after half an hour he was back for the second transfusion. Later I felt him getting restless and trying to get out of bed. Oh God! I thought he had changed his mind and wanted to leave. Now he’ll fall out of bed, the needle will come out and I, with all that blood will not know what to do. Instead he starts walking calmly dragging his blood bag and looks at me: “Hi! If the nurse comes please tell her I’m in the bathroom. I can not bear it anymore.” And he left the room like a ghost. Cik. Ciak. Cik. Ciak. The old moccasins are unforgiving. When he came back he seemed quieter, almost resigned to having to spend the day in the hospital and maybe the night. I figured that sooner or later he would speak, it was only a matter of time. “Look how funny life can be” – he said -“Those five lighted windows in the opposite building are the home of a friend of mine. Who knows why are all those lights on. If my cellphone was still charged I would call and I would tell him I’m here. I know that my friend loves to travel and he does it by train, where there are always lights on. Haha.” At that point I could not help but ask him if he wanted to use my phone to call his friend, as long as he remembered the number.
“Ah yes, it will be three-four, three-four-eight, three-four-eight-something. I do not remember. Thanks, now it’s too late anyway.”
Eventually he gets up, takes his jacket, wishes me good luck and slowly leaves the room. Cik. Ciak. Cik. Ciak.
And I remained there, waiting for the verdict on my tests, with my many questions. I felt a sense of revulsion and at the same time concern for the strange character. Why was he there alone and totally abandoned in that condition? What life had he had? Had he no kids to help him? Was he the victim or was he paying the consequences of his choices? Yes. No. Maybe. My thoughts back then don’t count now, but if there’s one thing I really, really hope, is that the old man did not walk out of the hospital with a blood bag attached to his arm. At least that, please, no.

Thrown like a star in my vast sleep
I open my eyes to take a peep
To find That I was by the sea
Me gazing with tranquility

Last year was a year of boredom, of mishaps, medical problems, uncertainties; I had no idea which direction to take, but then came the Hurdy Gurdy Man, which is a kind of minstrel, but also a wise man, and I can not say if we chose him, or if he chose us, but he definitely changed many things in our lives… especially perspectives. In the end it became the year of Donovan, with his records and his travels, and it became much better for everyone. Let’s face it: it was the Hurdy Gurdy Man in person to guide us to Prague, which is now our new home. So we decided to record these three songs when they still felt “live” because we [band] wanted to stay together before leaving for a far away city. The songs speak of encounters that I had in Trieste so it just seemed the right way to celebrate the end of an adventure and the beginning of another. The songs have been recorded by Guido Giorgi of Beat Degeneration, who also played the guitar solos and the mini sitar in Hurdy Gurdy Man. Francesco Puccinelli plays drums, Francesco Candura is on bass and guitar and I  [Valentina Giani] am on vocals. They Come / They Go is Skelets On Me new EP now available for streaming and download.

Listen/Stream/Buy

 Tre incontri

She is the lady of the boss
She comes from nowhere and nowhere is her place

Ero arrivata a Trieste da poco e lavoravo come receptionist in una grande azienda. Vedevo passare gente tutto il giorno, ma di quel periodo ricordo soprattutto un viso. Un mattino si presentò alla porta una signora anziana dall’aria piuttosto confusa, gli abiti trasandati, il trucco pesante, un sacco di gioielli, i capelli sporchi e di un colore ormai indefinibile. Sosteneva di essere la moglie del direttore generale, voleva assolutamente parlare con lui, insisteva nel dire che ci avrebbe salvati tutti. Mentre ripeteva queste parole incrociai i suoi occhi: non li ho ancora dimenticati. Chiari e lontanissimi. Dopo molti tentativi, riuscimmo a calmarla e a convincerla ad andarsene. Ma mi colpì perché nella sua pazzia e nel suo disordine c’erano anche una certa gentilezza ed eleganza, una specie di distacco dal mondo che la rendeva superiore a tutto. Nowhere Is Her Place è una canzone ispirata da quello sguardo. Era stata scritta e abbozzata parecchio tempo fa, ma non sono riuscita a considerarla finita finché non mi è capitato di riascoltare i Cocteau Twins e ho capito come rifarla da capo, spogliandola del tutto, asciugandola e lasciando che in fondo risplendessero soltanto quei due occhi.

Moon man where are you going
Why don’t you follow me

Ero al pronto soccorso, aspettavo il responso delle mie analisi. Nella mia stessa stanza, al di là di una tenda verde, c’era un uomo sulla settantina con i capelli di un grigio lucente, la pelle di un pallore così intenso che sembrava potesse scomparire da un momento all’altro. Sotto quel suo giubbotto di jeans e quella maglietta bianca con l’orlo sporco di merda, era un mistero come riuscisse a reggersi in piedi. Continuava a tossire e si lamentava perché l’ago per la trasfusione gli faceva dannatamente male. È andato avanti per quasi mezz’ora fino a quando non è arrivata un’infermiera.
“Scusi signora, non è che può si può fare più veloce questa cosa?”
“No guardi, manca poco. Adesso le prendo la pressione e il battito cardiaco, tra poco arriva la dottoressa e le parlerà.”
“Ah. Va bene. Però tra poco vado via.”
Ho riconosciuto il passo della dottoressa perché era più deciso di quello delle infermiere. È entrata nella stanza, non mi ha degnata di considerazione e ha iniziato la sua arringa. Sapeva di avere davanti un osso duro e dal modo in cui parlava non doveva essere la prima volta che si incontravano: “Allora signore, abbiamo quasi finito la prima sacca di sangue e poi ne iniziamo un’altra. Vista la sua condizione chiederò un ricovero, perché ci sono varie cose da esaminare e tenere sotto controllo. Ora penserò a trovarle un posto letto.”
“Ah no, no. Io ho delle cose da fare, non posso stare qui. Non se ne parla nemmeno, e poi questa sacca mi basta e avanza.”
“Allora non ci siamo capiti, signore. I risultati dei suoi esami sono completamente sballati, lei ha i valori dei globuli rossi e delle piastrine di gran lunga sotto la media. Se ora lei esce rischia di collassare tra mezz’ora e la riportano di nuovo qui, ma non sulle sue gambe.”
“Ma non mi interessa proprio. E poi sto morendo di fame. Al limite torno domani a fare un’altra di queste cose…”
“Eh no, se lei esce mi deve firmare il foglio di dimissione e poi non può più tornare a fare trasfusioni quando le pare. Non è più responsabilità dell’ospedale.”
Ma lui non si arrendeva. A un certo punto è caduto il silenzio e la dottoressa se ne è andata in un’altra stanza. Ma in quel silenzio si capiva che qualcosa nell’umore del mio vicino era cambiato. E infatti, poco dopo: “Dottoressa. Dottoressa! Dottoressaaa!” La dottoressa è tornata, pronta ad ascoltare. “Senta, pensavo: magari se mi fa uscire un attimo a bere un caffè e fumare una sigaretta, poi rientro e faccio l’altra sacca. Però, per favore, un po’ più veloce di questa. Non ce la faccio più.”
“Sì, sì va bene, basta che non esca dal perimetro dell’ospedale. Mi raccomando.”
Di nuovo silenzio.
“La cosa che mi dispiace di più è che questo è tutta colpa mia.”
Il vecchio si infila il suo giubbotto di jeans, comincia a camminare a fatica nei suoi mocassini marroni e sfatti, ed esce dalla stanza col pacchetto di sigarette in mano. Avrei scommesso che non sarebbe più tornato e invece, come promesso, dopo mezz’ora era di nuovo lì, per la seconda trasfusione. A un certo punto sento che si sta agitando sempre di più, stava cercando di scendere dal letto. Oddio, ho pensato che avesse cambiato idea e volesse andarsene. Ecco, ora cadrà dal letto, si staccherà l’ago e si farà malissimo e io in mezzo a tutto quel sangue non saprò cosa fare. Invece, per miracolo, ha iniziato a camminare trascinando calmo la sua portantina. Passando mi saluta:”Salve! Se passa l’infermiera, per favore le dica che sono in bagno. Non reggo più.” Ed è uscito dalla stanza come un fantasma. Cik. Ciak. Cik. Ciak. I vecchi mocassini non perdonano. Quando è tornato sembrava più quieto, quasi rassegnato al fatto di dover passare la giornata in ospedale e forse anche la notte. Immaginavo che prima o poi avrebbe parlato, era solo questione di tempo. “Ma guarda un po’ che buffa la vita” ha cominciato a dire. “Queste cinque finestre illuminate nel palazzo di fronte sono della casa di un mio amico. Chissà poi a cosa servono tutte quelle luci accese. Se il mio telefono fosse ancora carico lo chiamerei e gli direi che sono qui. Mi ricordo che il mio amico ha la passione di viaggiare e guarda caso lo fa sempre in treno, dove ci sono sempre le luci accese. Ahah.” A quel punto non potevo fare altro che chiedergli se voleva usare il mio telefono per chiamare il suo amico, sempre che si ricordasse il numero.
“Ah sì, sarà tre quattro, tre quattro otto, tre quattro otto e qualcosa. Non me lo ricordo. Grazie comunque, adesso sarà troppo tardi in ogni caso.”
Alla fine si alza, prende il suo giubbotto, mi augura buona fortuna e piano piano abbandona la stanza. Cik. Ciak. Cik. Ciak.
E io sono rimasta lì, ad aspettare il verdetto sulle mie condizioni, con le mie mille domande. Provavo un senso di repulsione e al tempo stesso di preoccupazione per quello strano personaggio. Perché era lì da solo e totalmente sperduto nelle sue condizioni? Quale vita aveva avuto? Non aveva figli che lo aiutassero? Era lui la vittima o stava pagando le conseguenze delle sue scelte? Si. No. Forse. Tutto quello che ho pensato ora non conta più, ma se c’è una cosa che spero davvero, davvero tanto, è che quel vecchio non sia uscito dall’ospedale camminando con la flebo attaccata al braccio. Almeno questo, per favore, no.

Thrown like a star in my vast sleep
I open my eyes to take a peep
To find that I was by the sea
Me gazing with tranquility

L’anno scorso è stato un anno di noia, di disavventure, di problemi medici, di incertezze. Non avevo idea di quale direzione prendere. E poi è arrivato Hurdy Gurdy Man, che è una specie di menestrello, ma anche un saggio, e non saprei dire se siamo stati noi a scegliere lui oppure è stato lui a scegliere noi, ma ha cambiato molte cose. Soprattutto le prospettive. Insomma, alla fine è diventato l’anno di Donovan, con i suoi dischi e i suoi viaggi, ed è stato molto meglio per tutti. Diciamolo: è stato proprio l’Hurdy Gurdy Man in persona a guidarci fino a Praga, la nostra nuova casa. Così abbiamo deciso di registrare queste tre canzoni “live” perché volevamo trovarci, stare assieme prima di partire per una città lontana e divertirci un po’. Le canzoni parlano di incontri che ho fatto a Trieste e quindi ci sembrava il modo giusto per
celebrare la fine di un’avventura e l’inizio di un’altra. Le canzoni sono state registrate da Guido Giorgi dei Beat Degeneration, che ha anche suonato anche gli assoli di chitarra e mini sitar in Hurdy Gurdy Man. Alla batteria c’è Francesco Puccinelli, al basso Francesco Candura e alla chitarra e voce io, Valentina Giani. They Come / They Go è il nuovo EP di Skelets On Me disponibile per streaming e download.

Listen/Stream/Buy