Out now! Skelets On Me – Sometimes I Wish Your Eyes Could Speak

 Valentina Giani comes from Bruneck, between the mountains of Trentino, but it is in the city of Trieste where she writes, plays and records her songs. Maruška Kapić and Francesco Candura (Jennifer Gentle, Stop the Wheel) complete the trio. They take the name of Skelets On Me, and their first work is titled Sometimes I Wish Your Eyes Could Speak, pressed on 7″ vinyl with a track per side, and available also as a digital download EP of 6 songs. Skelets On Me’s sound is gaunt and direct as K records’ school taught us to love.  Joining together rough electric assaults and innocent melodies in the tradition of bands like Sleater-Kinney, Breeders and Huggy Bear, seems entirely natural and spontaneous for Skelets On Me. And listening to their music, comes natural to crank-up the volume more and more.

 Valentina Giani è originaria di Brunico, tra i monti del Trentino, ma è nella città di Trieste che scrive, suona e registra le sue canzoni. I suoi compagni di avventura sono Maruška Kapić e Francesco Candura (Jennifer Gentle, Stop the Wheel). Prendono il nome di Skelets On Meil loro primo lavoro si intitola Sometimes I Wish Your Eyes Could Speak, stampato in vinile 7″ (una traccia per lato), e disponibile anche in download digitale come EP di 6 canzoni. Il suono degli Skelets On Me è quello scarno e diretto che la scuola K Records ci ha insegnato ad amare. Unire ruvidi assalti elettrici e melodie innocenti, nel solco della tradizione di band come Sleater-Kinney, Breeders e Huggy Bear, riesce ai Skelets On Me del tutto naturale e spontaneo. E ascoltando la loro musica viene voglia di alzare sempre di più il volume.

admin